LA MAREMMA: STORIA E CULTURA
L'elemento che contraddistingue la Maremma è la presenza della palude: essa ha infatti per secoli condizionato con la presenza della malaria, la vita dell'uomo, facendo guadagnare l'appellativo di Maremma amara al territorio maremmano. Solo grazie alla bonifica terminta a metà del 1800 la malaria fu debellata dalla Maremma ed oggi i visitatori possono godere appieno delle sue bellezze naturali, grazie ai numerosi parchi  e riserve naturali che sono stati istituiti per tutelare il territorio maremmano. Ma la Maremma non è solo terra di paludi e natura, incantevoli borghi antichi sorgono sul territorio della Maremma:  Manciano,  possedimento degli Aldobrandeschi e custode della meraviglioso Cassero Senese, Pitigliano , sorto su una roccia di tufo a strapiombo sulle valli sottostanti famoso perchè in passato aveva una comunità ebraica che gli ha regalato dal presenza della Sinagoga e il conseguente  soprannome di "Piccola Gerusalemme. La cittadina di Saturnia, con la chiesa di Santa Maria Maddalena e le sue  Terme di Acqua solfurea famose già in epoca romana, Sorano,  noto per la bellezza del centro storico, con la Collegiata di San Niccolò e l'antichissima Porta dei Merli, e Sovana, di antichissime origini e noto per la bellezza dei suoi edifici tra cui meritano una citazione la Chiesa di San Mamiliano e il Palazzo Bourbon del Monte, e da ultimo ma non ultimo  Scansano, famoso nel mondo per la produzione  del Morellino, vino straordinario; questi paesi fanno parte della famosa Area del Tufo, località che custodisce  importanti resti della civiltà etrusca, in particolar modo necropoli di tombe scavate nel tufo.
Spostandoci verso il mare la Maremma si trasforma nella Costa d'Argento: Albinia, Orbetello con al Laguna, Ansedonia antica città romana, L'argentario con i paesini di Porto Santo Stefano e Porto Ercole, Magliano in Toscana, con le sue imponenti mura difensive, Talamone con il suo meraviglioso porto e Capalbio,  meta del turismo d'èlite e famoso paese della produzione del Capalio DOC.
Continuando nella nostra guida alla Maremma, ecco Castiglione della Pescaia,località marittimo e turistica molto frequentata, Grosseto, il capoluogo, capolavoro di architetture e monumenti tra cui meritano  una particolare citazione il Duomo di San Lorenzo, il Palazzo degli Aldobrandeschi, il Cassero del Sale e l'antico Convento delle Clarisse.
Passiamo ora alla zona  della Maremma che fa parte del comprensorio delle colline metallifere ed ecco la mervigliosa Massa Marittima con il suo maestoso Duomo, poi Follonica con la chiesa di San Leopoldo Gavorrano, sede del Parco Minerario Naturalistico e luogo della leggendaria morte descritta da Dante nella Divina Commedia della Pia dei Tolomei e Monterotondo Marittimo, paese di orgine medievale e custode della Chiesa di San Lorenzo. Sempre nel comprensorio delle Colline Metallifere della Maremma troviamo i borghi di Roccastrada, con il Museo della Vite e del Vino e il famoso Teatro dei Concordi, e  di Scarlino,  con la Rocca Aldobrandesca e la Chiesa di San Donato; più all'interno invece l'incantevole cittadina di Campagnatico,  con il centro storico in stile medievale, la Pieve di Santa Croce e la Rocca Aldobrandesca, ogni anno vi si svolge il Palio dei Ciuchi, in onore della Natività di Maria, da ultimo merita una citazione Civitella Paganico,  sede in antichità degli insediamento dei popoli villanoviano ed etrusco, ed oggi ospita l'Abbazia di San Lorenzo al Lanzo e il Castello di Monte Antico.
Ma non finisce qui ricordiamo ancora: Seggiano,Semproniano, Arcidosso,  Castel del Piano, famoso per il Palio delle Contrade durante il quale si scontrano le contrade di Borgo, Monumento,  Poggio e Storte, Castell'Azzara, il cui nom deriva dal gioco dei Dadi con i quali i fratelli Aldobrandeschi hanno deciso chi doveva essere il signore del territorio, Cinigiano,e Roccalbegna, caratteristico paesino che sorge nella valle del fiume Albegna ed è dominato da un imponente roccia.



IL NOME: MAREMMA

Il nome Maremma deriva per alcuni studiosi, dal latino maritima, per altri dal castigliano marismas che significa "palude". LaMaremma propriamente detta è quella grossetana, che si sviluppa nella provincia di Grosseto, tra Follonica a nord e la foce del torrente Chiarone a sud, che si getta nel mar Tirreno a sud del Promontorio dell'Argentario; comprende anche la bassa valle dell'Ombrone. Il nome Maremma viene anche associato alle aree collinari interne come le Colline dell'Albegna le Colline Metallifere grossetane, le colline e l'Area del Tufo. Le principali località della Maremma sono: Massa Marittima, Orbetello, Castiglione della Pescaia, Saturnia, Follonica, Grosseto, Pitigliano.

IL CLIMA

Il clima della Maremma è mediterraneo lungo la coste mentre nell'interno assume caratteristiche più continentali: sulla costa abbiamo una temperatura media intorno ai 16°C e diminuiscono più si entra all'interno. Sulla fascia costiera le temperature estive non vanno  oltre i 33°C; nelle valli interne invece in estate si possono raggiungere i 40°C, mentre in inverno si scende anche di diversi gradi sotto lo zero. La poivosità è assai scarsa sulla costa, mentre nell'interno e sui rilievi è più abbondante.